le news
del marketing digitale
scelte per te
Perchè PayPal vuole aggredire il business del couponing. Qualche ragione non scontata.
Posted by Amministrazione in E-commerce, Mobile e Tablet

PayPal, la gallina dalle uova d’oro del gruppo eBay, ha dichiarato che nel 2012 entrerà nel grande business del couponing il cui volume d’affari oggi è concentrato per il 73% nelle mani dei giganti GroupOn e LivingSocial (gruppo Amazon).

Le ragioni sono certamente date dalla significatività del settore che non accenna a diminuire nonostante gli scricchiolii che ogni tanto si avvertono tanto leggendo i risultati finanziari di GroupOn quando tendendo l’orecchio alla soddisfazione degli utenti, in particolare per errori di planning da parte degli stessi inserzionisti.

 

 

 

 

 

 

 

Dobbiamo però ricordare quanto eBay stia dirigendo la prua da un lato – attraverso il suo sitema x.Commerce / Magento – verso le aziende attraverso un’offerta che superi le barriere del marketplace per diventare un partner e-commerce a 360° – e quanto dall’altro – proprio attraverso PayPal – miri ad offrire un sistema di accettazione dei pagamenti, attraverso le tecnologie NFC ai negozianti ed agli esercizi commerciali sul territorio.

Avere come asset la relazione con i retailer e allo stesso tempo essere l’intermediario dei loro pagamenti con i clienti finali consente pertanto di giocare in una posizione di vantaggio, tanto più se l’esperienza di acquisto possa essere lanciate grazie alle bocche di fuoco di un sistema come quello di eBay che ha in sè sia la dimensione della community sia la propensione verso mobile che persino in Italia rappresenta una fonte di business interessante grazie alla app nativa.

Non c’è che dire: gli operatori del digital, grazie al loro vibrare sempre più forte, stanno posizionando le proprie pedine per conquistare la posizione migliore da cui sferrare l’attacco e scendere giù giù per tutta la catena del valore verso il business più ampio: gli acquisti offline.

RELATED POST
LEGGI
LEGGI
LEGGI