Articoli

C’è un nuovo primato su YouTube, che ha scalzato quello di Gangam Style

Vi ricordate quando nel 2012 tutti, compresi i signori di YouTube, eravamo rimasti stupiti dall’incredibile successo di GanGnam Style che con la sua coinvolgente demenzialità aveva conquistato migliaia di persone arrivando al record di  2, 894 miliardi di visualizzazioni, stando ai dati attuali.

GanGnam Style aveva obbligato YouTube ad aggiornare le sue modalità di misurazione, attestandosi come un vero e proprio fenomeno e ottenendo la palma di video più visto di sempre sulla piattaforma.

Questo primato, però, ora è passato ad un altro video: See You Again di Wiz Khalifa con la collaborazione di Charlie Puth che ha raggiunto 2.909.814.443 di visualizzazioni nel momento in cui stiamo scrivendo.
Si tratta della colonna sonora di Fast and Furious 7 con un video che celebra il compianto Paul Walker, apparso per l’ultima volta sul grande schermo proprio in occasione di questo film.

I due video, GanGnam Style e See you Again, sono molto diversi ma hanno una cosa che li accomuna: sono vicini alle persone, creano empatia coi loro sentimenti, che siano gioia di ballare o tristezza per la perdita di un amico con il sottofondo di canzoni decisamente molto orecchiabili.

Qual è l’arma vincete di See You Again? L’umanizzazione di un attore che diventa uno di noi, una persona che ha fatto parte delle nostre vite frame dopo frame della lunghissima saga di Fast and Furious muovendosi in un universo che ci sembrava ormai di conoscere e che ce lo rende estremamente vicino.

See you again è la canzone che vorremmo dedicare a tutte le persone che, un giorno, ci piacerebbe ritrovare e celebra un sentimento tra i più comuni e coinvolgenti dell’essere umano: l’amicizia.

Sembra una storia che potrebbe raccontare ognuno di noi, è una storia che potrebbe raccontare ognuno di noi e questa è la vera forza del video.

Quindi, ogni volta che produciamo un contenuto, ricordiamoci di questa grande lezione: non c’è bisogno di inventare o di costruire grandi cose, la finzione non paga, la verità, i sentimenti che fanno parte del vissuto quotidiano di ognuno sono il più potente strumento di storytelling che ci sia.

 

Cross-posting: come e perché utilizzarlo

Il cross-posting permette di pubblicare lo stesso video in più post su diverse pagine Facebook senza che il video stesso debba essere caricato nuovamente o condiviso.

Il cross-posting di un video già caricato si può fare sulla stessa pagina o su più pagine utilizzando Business Manager.

Per poter fare cross-posting con un’altra pagina è sufficiente andare nel menù “Impostazioni” e cliccare su “Cross –posting” nella colonna a sinistra:

cross-posting

 

Nella schermata che compare si dovrà poi aggiungere l’url precisa della pagina interessata.

cross-posting due

Fatto ciò entrambe le pagine avranno l’autorizzazione di utilizzare video specifici contrassegnati dalla dicitura “Video per cui puoi effettuare il cross-posting” nell’altra pagina della stessa tab.

La caratteristica del cross-posting è quella di dare la possibilità di verificare il numero effettivo di visualizzazioni totali del video per tutti i post in cui è stato pubblicato.

In questo senso il cross-posting può essere una tecnica utile per capire come gli utenti reagiscono ad un contenuto video, indipendentemente dalle pagine in cui viene pubblicato.

È anche molto utile nel caso si abbiano diverse pagine collegate allo stesso brand, personaggio o iniziativa sui cui veicolare lo stesso contenuto video in modo che raggiunga tutte le persone potenzialmente interessate.

Ad esempio nelle iniziative di co-marketing fare cross-posting di un video può essere un buon modo per mostrarlo agli utenti di entrambi i brand.

È sconsigliabile, però, utilizzare questa pratica solo come scorciatoia o per “spammare” un video su più pagine possibile. Gli utenti dei social, infatti, amano i contenuti originali, i brand che parlano direttamente a ciascuno di loro e si infastidiscono quando si sentono bombardati da messaggi ripetuti e ripetitivi.

Quindi, ancora una volta, come tutte le tecniche di pubblicazione, anche il cross-posting deve essere utilizzato in maniera intelligente e solo per raggiungere scopi specifici.

 

 

 

Tre strumenti per creare immagini e video per i social

Creare contenuti coinvolgenti è il primo passo per costruire una buona relazione con i vostri utenti, fidelizzandoli e accrescendo anche la vostra fan base.

L’elemento visuale è fondamentale per raccontare storie, presentare e descrivere prodotti e servizi e attirare l’attenzione del pubblico.

Foto, infografiche, video: sono tutti elementi indispensabili per arricchire i vostri piani editoriali.

Ma come fare per realizzare al meglio questi contenuti?

Sicuramente la prima scelta è quella di rivolgersi a dei professionisti, ma se questo non è possibile o, semplicemente, avete urgenza di creare un contenuto foto/video di buona qualità potete usare tool gratuiti o basso costo che trovate sul web.

Innanzitutto vi segnaliamo Canva: uno strumento ormai molto conosciuto e utilizzato che vi darà un grande supporto dal punto di vista grafico. Con Canva potete ridimensionare le immagini, realizzare post, grafiche per i social, presentazioni e molto altro attingendo ad una library di immagini ed elementi grafici sia a pagamento che gratuiti.

Per i video uno strumento utile è Rocketium: partendo da un costo base di 40$ al mese potrete caricare dei video ed elaborarli in diverso modo, tagliandoli anche tramite mobile app e aggiungendo immagini o grafiche in sovraimpressione ed esportare tutto nel formato che vi è più comodo.

Se avete bisogno, invece, di immagini di buona qualità ma non avete la possibilità di realizzarle o di acquistarle da banca immagini, una piattaforma utile è The Stocks che raccoglie immagini copyright free da diversi siti internet e mette a disposizione un buon motore di ricerca per rintracciare quelle più adatte allo scopo.

Provateli, smanettate, divertitevi e potrete realizzare contenuti che vi soddisfino e che vadano incontro alle esigenze del vostro pubblico.

La vicenda di YouTube ci insegna l’importanza della cura dei contenuti

Havas UK è stata la prima agenzia a ritirare i video ads dei suoi clienti da YouTube dopo aver rilevato che erano stati associati a contenuti video offensivi.

A seguire molti altri inserzionisti hanno preso la stessa decisione, compresi Tesco, Marks and Spencer e The Guardian negli Stati Uniti. Una perdita che ammonta a circa 22,7 miliardi di dollari in Borsa.

Un danno non indifferente per Google che ha deciso di incrementare i controlli sui video pubblicati sulla sua piattaforma sia migliorando le intelligenze artificiali che li filtrano, sia inserendo personale più qualificato che si occupi della supervisione dei contenuti.

Cosa ci insegna questa vicenda?

Innanzitutto una cosa che sembra banale che in realtà è estremamente interessante: la cura del contenuto è la cosa più importante.

YouTube non è altro che una piattaforma che ospita video creati da altri, ma nonostante questo, la mancanza di controllo su quei contenuti gli è costata cara.

Questo è indice del fatto che mantenere un determinato livello qualitativo è indispensabile anche se il proprio business non è – direttamente – la produzione di contenuti.

A maggior ragione, se vi occupate di creare contenuti, tenete presente che il pubblico è sempre più attento, esigente e in grado di selezionare e scegliere cosa guardare o leggere.

Proprio per questo non basta erogare dei contenuti per poterli monetizzare: gli investimenti media non tengono più conto solo del numero di visualizzazioni, ma anche del tipo di target a cui si rivolgono e della qualità dei contenuti stessi.

“Content is the king” è una vecchia massima ma sempre vera. Curatevi dei contenuti, dategli valore prima ancora di monetizzarli.

I video live di Facebook arrivano su YouTube

Tutorial, interviste, performance live girati e pubblicati su Facebook possono essere ottimi contenuti da condividere anche su YouTube, per sfruttarli al meglio e diffonderli tra il maggior numero di persone possibile.

Ma come fare?

Innanzitutto selezionate il video che volete scaricare e pubblicare su YT e cliccate “Play”.

Schermata 2017-02-13 alle 15.45.56

Fate click con il tasto destro e selezionate la URL del video

video live

Copiate e incollate la URL in un’altra tab del browser e cambiate l’indirizzo “www.” in “m.”, trasformando così il video in una versione per mobile

video live

Cliccate di nuovo “Play” e fate click col tasto destro

Fate play, click con il tasto destro e selezionate “Salva video come”: da qui salvate il video sul vostro desktop in formato .mp4.

video live

Da qui, potrete caricare comodamente il vostro video su YouTube

Come fare un video live con Instagram Stories

I contenuti live sono uno dei trend del momento sui social media.
La strada è stata aperta da Periscope, l’app di Twitter dedicata proprio alle dirette video (ora incorporate all’interno del social stesso), per poi essere percorsa da Facebook e, ora, anche da Instagram.

Il fenomeno è decisamente interessante, basti pensare che uno dei video live più visti del 2016, pubblicato da Buzzfeed, ha raggiunto picchi di 800.000 spettatori nell’arco della durata di 45minuti.

Dopo Twitter e Facebook, dunque, è l’ora di Instagram che da qualche giorno ha dato la possibilità ai 150milioni di utenti delle sue Stories di vedere e pubblicare video live.

Ma vediamo come si fa un live direttamente con le Stories di Instagram.

Partendo dalla vostra home di Instagram cliccate su “La mia storia” in alto a sinistra:

Untitled design

Da qui sarete riportati direttamente alla fotocamera. Scorrendo lo slider di voci in fondo allo schermo, cliccate su “in diretta” ed eccoci qui, il gioco è fatto.

IMG_1005

 

Buon divertimento!

Instagram lancia i canali video (in America)

Dopo Facebook e Snapchat, ora anche Instagram possiede all’interno della sua applicazione una sezione interamente dedicata ai canali video.

Aggiornando l’applicazione alla versione 7.20 (al momento disponibile solo in America), gli utenti troveranno all’interno dell’area “ricerca” il nuovo canale chiamato “video che ti potrebbero piacere” con video selezionati in base ai propri interessi.

Con quest’ultima novità la direzione di Instagram segue sempre di più quella del fratello maggiore Facebook che già da tempo si sta spostando sempre più verso i video.

Ecco il link di approfondimento: http://bit.ly/1SPOP5a

Facebook potenzia la sua piattaforma Live

Facebook decide di puntare sui video degli utenti, aprendo Live a tutti. In questa ottica, il social network riorganizza la barra della sua app rimuovendo l’icona della chat Messenger per fare spazio a quella “Video”. In questo modo gli utenti non perderanno nemmeno un filmato in streaming dei loro amici.
Inoltre chi decide di trasmettere un filmato potrà scegliere di applicarvi filtri, come per le foto, potrà far partire un Live all’interno di un gruppo già predefinito di amici oppure all’interno di una pagina “evento”.
Per saperne di più visita il sito di Facebook dedicato a Livehttp://live.fb.com/about/.
Per approfondire, leggi l’articolo che segue: http://bit.ly/1PVXWzp