10 piattaforme a pagamento utili per il marketing digitale

Se nella vita “vera”, quella conduciamo tutti i giorni, ci fossero tutti gli strumenti offerti dal digitale – a partire dal CTRL + Z per rimediare ai nostri errori – non saremmo più felici?

L’abbondanza degli strumenti che la Rete offre è tale per cui, in buona misura, i tool gratuiti – in particolare quelli offerti da Google e dai social media – sono sufficienti per analizzare il rendimento della propria presenza online e per osservare i concorrenti, ma è indubbio che in alcuni casi è necessario il potersi affidare a piattaforme a pagamento con le loro caratteristiche di maggiore ampiezza dei dati da cui originano, di personalizzazione delle informazioni disponibili ed infine di funzionalità avanzate che offrono.

Eccone dieci, diffuse nel nostro Paese e quindi supportate da una letteratura che le racconta e le rende ancora più intelligibili:

  • Talkwalker, fra i più noti tool di social media listening, basato su una impostazione personalizzata dei termini – afferenti al brand, al suo mercato ed ai suoi concorrenti – in ragione dei quali si intende effettuare il carotaggio della quantità e della connotazione positiva o negativa delle menzioni che li contengono sui social media. Da considerare anche Radian6;
  • Sprout Social, una delle suite più complete per la gestione editoriale e pubblicitaria di tutti i social media con elementi di analisi delle conversazioni, del sentiment e dello share of voice per hashtag molto interessanti;
  • Iconosquare, una buona alternativa alla piattaforma …

 

Leggi di più … http://bit.ly/2O2Ze8m