Verso Google Analytics 4, cosa cambia con la versione precedente?

In questi mesi, a seguito dell’annuncio lo scorso ottobre e dopo l’opportuna sperimentazione e il relativo debuggig, Google Analytics 4 sta pian piano diventando una concreta opportunità per il monitoraggio delle attività di marketing digitale per le imprese e la scelta di servirsene è tanto più delicata quanto più questo strumento di web-analytics poggia su una filosofia completamente differente rispetto al tool precedente e la sua implementazione non rende possibile la continuità con i dati già raccolti.

Per questo è raccomandabile procedere verso un parallelo utilizzo delle due piattaforme grazie all’Assistente di Configurazione disponibile nel Pannello di Amministrazione di Google Analytics.

I vantaggi però sono innegabili:

  • nel caso l’azienda abbia sia un sito web che una app, Google Analytics 4 permette di monitorare entrambe le interfacce ed osservare il rispettivo utilizzo e la continuità di quest’ultimo fra i due ambienti;
  • il tracciamento è predisposto per l’anonimizzazione dell’IP e per l’abbandono dei cookie che sostituisce con i dati offerti dagli algoritmi di machine learning offrendo, in tal modo, anche indicazioni di carattere predittivo soprattutto per siti e-commerce;
  • supera il data sampling su cui è basata la versione standard di Google Analytics;
  • mentre la precedente versione, basata sulle Sessioni, richiedeva la configurazione degli Obiettivi e degli Eventi attraverso un apposito javascript, Google Analytics 4,

Leggi di più ...